Il termine inglese caregiver può essere tradotto come “colui o colei che si prende cura” e in concreto designa quella figura – in genere un familiare, in larga prevalenza una donna – che volontariamente, in modo continuativo (o quasi), gratuito e responsabile, si prende cura di una persona che si trova in una situazione tale da avere necessità di assistenza, come ad esempio le persone con disabilità importanti. Un lavoro quotidiano che spesso annichilisce il fisico e l’anima di chi ogni giorno lo mette in pratica . Un lavoro che non conosce stasi. Proprio pensando a tutti quei familiari che non conoscono stasi, la Fondazione dopo Di Noi, presso il Centro Polifunzionale Le Vele, propone, oltre le altre possibilità residenziali, il servizio di Sollievo. Un servizio che ha come fine il benessere del disabile ma anche di coloro che lo curano. Un modo con cui il familiare può prendersi un po’ di tempo per sé, e l’assistito trovarsi in un ambiente idoneo con operatori appositamente formati per accoglierlo ed accudirlo.

Il servizio acquista valenze diverse a seconda delle caratteristiche del destinatario quali: età del soggetto, età dei genitori o del care giver, composizione del nucleo familiare, presenza di rete famigliare e informale allargata, accesso a servizi diurni o residenziali, …

Il servizio non è da ritenersi esaustivo delle necessità del soggetto in quanto costituisce una risposta temporanea integrativa di altri interventi già in atto o da attivare; il periodo di sollievo può anche rappresentare un periodo di aggancio e conoscenza utile all’avvio di interventi continuativi mirati. L’intervento può essere ripetuto nel corso dell’anno, tenuto conto della tipologia e consistenza del progetto proposto.

FINALITÀ
Il progetto di sollievo ha come finalità principale quella di fornire una sostituzione temporanea di chi svolge la funzione di cura abitualmente dentro la rete famigliare ed informale, consentendo il recupero di risorse ed energie utili a garantire le stesse funzioni nella quotidianità.

OBIETTIVI DEL SERVIZIO
L’obiettivo principale di ogni progetto individualizzato è quello di promuovere, attraverso il distacco della persona disabile dal quotidiano contesto familiare che cura, il recupero di risorse e la sperimentazione di nuove modalità e tipologie di risposta ai bisogni del soggetto, anche all’interno del tessuto sociale di appartenenza. In particolare, fatta salva la temporaneità dell’intervento che presuppone una data di inizio e una data di conclusione, l’intervento di sollievo è volto a:

  • sollevare le famiglie dall’impegno di cura quotidiana del parente disabile,
  • sostituire la famiglia o il care giver in alcune ore della giornata per consentirle di trovare dello spazio per sé, dare la possibilità al soggetto di fruire di opportunità nuove svincolate dalla presenza della famiglia.

AMISSIBILITÀ
Saranno ammesse al servizio le famiglie con soggetti rientranti nelle diverse tipologie, di seguito riportate, che vivono a domicilio sia in carico a servizi diurni o semi-residenziali che in carico alla sola famiglia , residenti nei comuni dell’ambito, e precisamente:

  • soggetti in condizione di grave disabilità;
  • soggetti disabili con situazione sociale complessa;
  • soggetti disabili non in condizione di gravità.

La tipologia e la gravità della disabilità costituirà elemento utile all’individuazione della tipologia e della durata dell’intervento che verrà realizzato oltre che a stabilire la priorità di accesso.

WEEK END A LE VELE
Il servizio è attivo ogni settimana da Sabato pomeriggio ore 10.00 fino Domenica pomeriggio ore 19.00 oin tempi e modalità concordate con la famiglia o il legale rappresentante.

PROCEDURA DI ACCOGLIENZA

  • Contatti/presentazioni tra operatori, educatori, famiglia, utente, ecosistema dell’utente;
  • Conoscenza dell’utente (comportamenti, abitudini, interessi…);
  • Conoscenza dell’ecosistema famiglia;
  • Conoscenza dell’ecosistema territorio;
  • Visita della struttura da parte dell’utente-famiglia;
  • Individuazione da parte dei responsabili del progetto degli utenti che utilizzeranno il servizio nel weekend;
  • Programmazione di massima del weekend (la programmazione effettiva sarà svolta con gli utenti in un momento successivo alla prima accoglienza).

ATTIVITÀ PREVISTE

  • Attività ludico-ricreative;
  • Attività di socializzazione all’interno della Struttura;
  • Attività di socializzazione sul Territorio-Comunità.
  • Attività di routine domestica.
  • Attività di agricoltura urbana

ORGANIZZAZIONE WEEKEND
Sabato ore 10.00: arrivo operatori, educatori e utenti (accompagnati dalle famiglie).

Di seguito:

  • Saluti e accoglienza
  • Orientamento dello svolgimento pomeridiano e serale
  • Sistemazione e personalizzazione dei locali
  • Spesa al Supermercato
  • Attività decisa nella programmazione pomeridiana
  • Attività serali
  • Igiene personale
  • Riposo notturno
  • Risveglio e prima colazione
  • Igiene personale
  • Uscita (uscite, visite, passeggiate o svolgimento attività varie…)
  • Ritiro pranzo
  • Igiene personale
  • Attività pomeridiane (incontro con amici, uscita, visite, intrattenimenti ecc.)
  • Conclusione del week-end

Per avere informazioni sui costi del servizio contattare direttamente la Fondazione.